EvaCucinan°12 Dicembre

Evviva è Natale! Speciale menù delle Feste. Antipasti facili, veloci e scenografici per organizzare un buffet. Tante specialità per scaldare i palati nelle fredde giornate invernali. Il più pregiato dei crostacei dalla carne delicata e benefica. Una carrellata di dessert per brindare tutti insieme.
Anteprima

EvaCucinan°1 Gennaio 2022

L’ORTAGGIO DEL MESE, LA CICORIA.
Pianta erbacea molto comune apprezzata da millenni, è chiamata anche radicchio selvatico e volgarmente detto “bruttona” per il suo aspetto non particolarmente attraente. Originaria del bacino Mediterraneo, la Kichora era conosciuta dai greci e apprezzata per le sue virtù terapeutiche. Veniva infatti raccomandata per i disturbi di stomaco e nei casi in cui il processo digestivo avesse avuto bisogno di un supporto. Anche l’antica Roma viene citata da Plinio e Galeno come “amica del fegato” oltre che pianta dalle virtù rinfrescanti. Nelle credenze popolari del nord Europa, la cicoria era considerata una pianta magica attraverso la quale si poteva arrivare al piacere dell’amore, spezzare incantesimi, diventare invisibili e invulnerabili. Per ottenere questi effetti era però necessario dissotterrare la radice nel giorno di San Pietro e Paolo.
Anteprima

EvaCucinan°12 Dicembre 2021

L’ORTAGGIO DEL MESE, IL RADICCHIO.
Secondo un antico detto popolare, il radicchio rosso sembra sia nato come dono che l’autunno fa all’inverno, per dare un tocco di colore ai campi ormai brulli e gelati. Ma in realtà esistono diverse leggende che ruotano intorno a questo particolare ortaggio invernale proprio perché misteriosa rimane la sua origine. Se ancora oggi, chiedessimo ai contadini come ha avuto origine il radicchio rosso, ci sarà chi racconterà di come degli uccelli abbiano lasciato cadere i semi di questa pianta sul campanile del paese di Dosson in tempi immemori, chi invece affermerà che furono i frati a trovare e a coltivare il fiore d’inverno e altri ancora che parleranno di una piantina che nasceva spontaneamente.

EvaCucinan°11 Novembre 2021

LA CASTAGNA.
La castagna è il frutto del castagno, una pianta diffusa in Asia, Europa e America circa dieci milioni di anni fa. Nell’antica Roma la castagna era ben conosciuta. Secondo Varrone, i giovani innamorati offrivano in dono la castagna alle loro donne. Virgilio ci dice invece che i suoi contemporanei coltivavano l’albero di castagno, con le cui foglie venivano fatti dei materassi. Mentre Plinio il vecchio descrive alcuni modi per mangiare la castagna, tra cui la tostatura e la possibilità di usarla per fare il pane.

EvaCucinan°10 Ottobre 2021

L’ORTAGGIO DEL MESE: LA BARBABIETOLA.
La barbabietola è un alimento utilizzato sin dall’antichità, ha fatto la sua comparsa infatti già nel mondo greco. Coltivata inizialmente per le sue foglie, si diffuse presto anche per la sua radice specialmente quella della barbabietola rossa. In origine impiegata per scopi curativi, ma con il passare del tempo divenne famosa per la produzione dello zucchero. Oggi sappiamo che esistono diverse qualità di barbabietole: da quella da zucchero appunto, quella da orto che troviamo anche dal fruttivendolo e quella da foraggio destinata all’alimentazione del bestiame.

EvaCucinan°8 Agosto 2021

L’ORTAGGIO DEL MESE: IL PEPERONE.
I peperoni sono bacche carnose, di varie dimensioni, forme e colori, infatti ne troviamo di rossi, gialli o verdi, e li distinguiamo anche tra peperoni piccanti, o peperoncini e peperoni dolci. Le piante più apprezzate per il consumo sono suddivise in dolci e piccanti, tra le prime ci sono quelle a forma quadrangolare; a forma allungata, a forma trottola per i sottaceti. Le varietà piccanti si consumano prevalentemente essiccate e sono usate per i condimenti. È una delle tante piante orticola provenienti dall’America meridionale e fu importata in Europa nella seconda metà del 500.

EvaCucinan°6 Giugno 2021

L’ORTAGGIO DEL MESE: I PISELLI.
La storia dei piselli, le fantastiche perle verdi, e quella dell’uomo si intrecciano da secoli, ancor prima della nascita dell’agricoltura, i nostri antenati pare che non vedessero l’ora d’incappare in una pianta spontanea di piselli e mangiarne i semi all’interno del baccello. Per migliaia di anni non sono stati mangiati secchi ma essiccati dopo la raccolta grazie alla loro ottima capacità di conservazione. Sono diventati simbolo di fortuna e prosperità, in passato i loro fiori bianchi e gialli venivano intrecciati in ghiande ben auguranti per le spose, mentre le sfere verdi del baccello erano una delle principali fonti di nutrimento.

EvaCucinan°5 Maggio 2021

L’ORTAGGIO DEL MESE: LE FAVE.
Con la primavera tornano protagoniste delle tavole degli italiani, le fave. Considerate un tempo la “carne dei poveri”, in realtà oggi sono tra i legumi più amati e ricchi di proteine. Ma non sempre la storia ne ha parlato bene. Infatti, di questa pianta, coltivata in Europa, fin dall’antichità, pare che i greci sarebbero arrivati addirittura a proibirne il consumo.

EvaCucinan°3 Marzo 2021

L’ORTAGGIO DEL MESE: L’ASPARAGO! Che siano bianchi, violetti o verdi, è arrivata la stagione per questo ortaggio meraviglioso. Coltivati o selvatici sono diffusi in diverse “cultivar” e varietà regionali tipiche di determinate zone. Della famiglia delle liliacee, ossia dei gigli e dei mughetti, gli asparagi sono uniti per tradizione alla Pasqua e alle uova, dividono la nostra nazione in quella degli asparagi bianchi tutti coltivati entro la sponda fredda dell’Eridano, e in quella dei verdi tutti coltivati sotto la sponda meridionale del Grande Fiume. Ed è così che seguendo il Po, andando verso mare alla nostra sinistra, dal Piemonte al Veneto si coltivano, per tradizione solo asparagi bianchi, alla destra (eccezione fatta per la Liguria dove gli asparagi sono viola/rossastri ma solo da crudi, per poi liberare il loro pigmento verde in cottura), gli asparagi (isole comprese) sono solo verdi.

EvaCucinan°2 Febbraio 2021

L'ortaggio del Mese! Il broccolo romano, o broccolo romanesco, è una varietà del cavolo broccolo, apprezzato in diverse ricette sia in Italia che all’estero. Come tutte le tipologie di broccoli, anche quello romano rientra tra le piante di cui non si mangiano le foglie ma le infiorescenze, non ancora mature.

EvaCucinan°1 Gennaio 2021

Il Nuovo Anno porta con se tante novità, piatti leggeri e profumati, tantissime ricette al cartoccio e piatti irresistibili da tutto il mondo.